Trials Rising è un po’ gioco di guida arcade, un po’ platform, perché per avanzare attraverso i folli e bizzarri tracciati che ne compongono l’ossatura sono necessari certo il manico, ovvero l’abilità con una rombante moto tra le gambe, ma anche avere il colpo d’occhio sul loro sviluppo bidimensionale (e mezzo), il ragionare oltre il semplice completamento a tutta birra del livello e tante piccole cose che rendono l’esperienza della produzione Ubisoft, sviluppata tra RedLynx e Ubisoft Kiev, decisamente unica. Compresa una pazienza non comune, perché il gioco potrebbe tranquillamente chiamarsi Trial(s) and Error Rising e nessuno avrebbe alcunché da obiettare.

Non c’è infatti molta differenza nell’approccio con il quale il giocatore si pone di fronte ad un Super Meat Boy, per fare giusto un esempio, e Trials Rising. Il perno del gameplay tutto sta nella possibilità di premere un tasto e riniziare il livello da capo, o, per i meno perfezionisti, desiderosi più di andare avanti nella scoperta dei tracciati che di limare al centesimo i loro tempi, di un altro, che li riporta all’ultimo checkpoint attraversato, con cinque secondi in più sul groppone però (sì, sono tanti, sia i checkpoint che i secondi di malus). La filosofia di fondo del gioco è quindi chiarissima: git gud, diventa bravo. Lo si diventa principalmente tenendo sempre l’attenzione altissima, perché è un attimo dosare male il gas e cappottarsi, o mettere le ruote male in un atterraggio, e attraverso l’apprendimento della successione di ostacoli, trampolini e quant’altro spalmati sul livello. Perché, e qui sta l’unica magagna della produzione, si può anche diventare bravissimi piloti, ma certi passaggi sono praticamente impossibili da prevedere o da superare senza averci sbattutto il muso qualche volta.

 

Trials Rising

Alcuni passaggi dei tracciati sono estremamente spettacolari

Nonostante un sistema di controllo estremamente semplice Trials Rising offre un’esperienza di gioco dal livello di sfida tendente all’alto, per quanto stratificata a seconda di quanto il giocatore voglia ottenere. Basta davvero poco per guidare, un grilletto per l’acceleratore, che si imparerà presto a dosare con cura, pena sfracellamenti anche nei passaggi più facili, lo stick sinistro, per gestire l’inclinazione in avanti o indietro del sistema pilota/moto, fondamentale negli atterraggi e nei passaggi più mossi, per spostare il peso; già l’utilizzo del freno, deputato all’altro grilletto, apre tutta una serie di nuove possibilità. È quanto si impara con la pratica, ma anche con un ben realizzato tutorial, che in una serie di sfide aiuta a migliorare nelle proprie performance.

“È evidente fin dai primi tracciati che non basta andare a tutta manetta per realizzare i migliori tempi”È evidente fin dai primi tracciati che non basta andare a tutta manetta per realizzare i migliori tempi. Occorre sublimare le semplici azioni appena descritte in un flow quanto più fluido e senza sbavature possibile, far andare la moto senza sussulti, assecondare i dossi, atterrare dopo un lungo salto e approfittare dello slancio. Ed è difficile, molto, perché veramente in ogni singolo momento basta un filo di gas in più e si perde il controllo del mezzo, una bottarella in più allo stick e quello che doveva essere un atterraggio perfetto si trasforma in un capitombolo. La frustrazione è sempre dietro l’angolo, parzialmente mitigata dalla simpatica scenograficità di alcune morti, ma tanto più vicina quanto più si chiede a sé stessi, perché alla fine andare avanti, superare un livello dopo l’altro non è facile, ma quantomeno agevole, diventare dei maestri zen del flusso è tutto un altro paio di maniche.

Trials Rising

L’estetica complessiva è gradevole, soprattutto grazie ad una palette cromatica accesa e varia

Alla progressione attraverso tracciati sparsi per tutto il mondo si accompagna quella del proprio personaggio, attraverso livelli, ottenendo punti esperienza sia dal completamento delle gare, sia dai contratti, speciali sfide che usualmente chiedono qualcosa in più rispetto all’arrivare semplicemente al traguardo con un tempo dignitoso, nulla che in realtà rimpolpi particolarmente l’offerta ludica. Aumentare di livello significa anche ottenere una nuova loot box, contenente tre modifiche estetiche, tra adesivi, capi d’abbigliamento e modifiche per il proprio mezzo. Per personalizzare il proprio avatar e il mezzo è inoltre possibile acquistare oggetti tramite valuta in game, ma a prezzi decisamente elevati, il che, unitamente alla varietà degli oggetti contenuti nelle loot box (quasi sempre adesivi, non raramente si otterrà un oggetto già posseduto), è un evidente stimolo a ricorrere alle microtransazioni per curare il look.

È evidente come Trials Rising sia produzione confezionata per un certo pubblico, costituito dagli appassionati della prima ora della serie e dai piloti maggiormente interessati ad elevare al massimo le loro abilità, tentativo dopo tentativo. Gli altri faranno fatica a godere dei suoi tracciati, sempre stimolanti, ma troppo spesso ostici in maniera troppo artificiosa, costruiti attorno ad una filosofia di gioco che non riesce a bilanciare bene divertimento e sfida.

VOTO7
Tipologia di gioco

In Trials Rising i giocatori si cimentato dietro il manubrio delle loro motociclette in percorsi totalmente fuori di testa, che costringono a evoluzioni folli.

Come è stato giocato

Abbiamo ricevuto un codice per il download da PlayStation Store.