The World Next Door, videogioco per PC sviluppato da Rose City Games, si sviluppa attorno al topos narrativo dei mondi paralleli, raccontando la storia di un’adolescente, e propone un gameplay che fonde visual novel, con dialoghi lunghi e frequenti, nei quali effettuare scelte, e puzzle game, in peculiari combattimenti.

Protagonista di un canovaccio abbastanza comune ma comunque interessante è Jun, tipica adolescente ribelle, che si ritrova all’improvviso a Emrys, il mondo opposto a quello degli umani. Una volta le due dimensioni erano in conflitto tra loro, ora sono in armonia, connesse da portali. Nel corso di una particolare manifestazione vengono selezionati dei viaggiatori, i fortunati possono attraversarli e andare a Emrys, ma solo per un giorno. Chiaramente la ragazza è uno di questi, ma dopo l’incontro con una serie di demoni, spiriti e altri personaggi abbastanza eccentrici, tarda il suo ritorno nel mondo umano, e come una Cenerentola d’altri pianeti assiste alla fine della magia: il portale per tornare a casa si è chiuso ed è rimasta bloccata in una dimensione nella quale nessun umano può sopravvivere. Che fare dunque?

The World Next Door screenshot

Uno scenario urbano di Emrys

Aiutati dagli sms e dalle chat con diversi personaggi aggiunti di volta in volta in rubrica, assistiamo allo sviluppo della vicenda di Jun in questo bizzarro mondo metropolitano, all’interno un’opera con toni da teen drama e un aspetto da graphic novel. Dialogando con i nostri compagni di avventura potremo scegliere tra diverse opzioni di risposta, influenzando il nostro rapporto con loro ma non a livelli tali da variare in maniera sensibile lo svolgimento delle vicende. La progressione è scandita in maniera molto semplice dall’alternanza tra lunghi dialoghi e combattimenti contro i nemici, le cui dinamiche sono prese di peso dai puzzle game più classici. Unendo rune uguali fra loro in un tris o più si scatenano attacchi magici di ogni tipo.

“assistiamo allo sviluppo della vicenda di Jun in un bizzarro mondo metropolitano, all’interno di un’opera con toni da teen drama e un aspetto da graphic novel”

Il rischio di ripetitività delle dinamiche di gioco è abbastanza elevato, così come si rischia di cadere nella noia assistendo a dialoghi davvero iperbolici e quasi per nulla doppiati, di solito giusto in qualche esclamazione. La produzione non è però così barbosa: i toni sono freschi e molto semplici, la sensazione è quella di star leggendo il diario segreto di un’adolescente, che ne riempie le pagine di colori e foto. A rafforzare ulteriormente questa impressione c’è la presenza costante dello smartphone nell’esperienza di gioco, sia per quanto riguarda la frequenza delle chat, sia per lo stile del menù, a forma di telefono (con tanto di crepe sullo schermo, come spesso accade ai dispositivi dei ragazzini distratti) che per il design delle icone.

The World Next Door screenshot

Le opzioni di risposta sono spesso accompagnate da emoticons

Il mondo surreale nel quale è ambientato il gioco e i personaggi che lo abitano sono tratteggiati da uno stile delicato, fumettoso, coloratissimo, che è impossibile non apprezzare per cura e livello di dettaglio, e pazienza se le animazioni non siano di uguale fattura e diano a volte l’impressione che i personaggi stiano quasi scivolando sullo schermo e non camminando. Molto del fascino di The World Next Door risiede proprio in questa estetica particolare, che invoglia a scoprire nei panni di Jun ogni angolo del mondo parallelo di Emrys, perdendosi tra i suoi strambi scenari, quasi scordandoci del fatto che stia rischiando la sua stessa esistenza.

VOTO7
Tipologia di gioco

The World Next Door racconta la storia di Jun, classica adolescente ribelle, intrappolata in un mondo parallelo. Dialogando con i suoi bizzarri abitanti e combattendo in battaglie ispirate ai puzzle game dovrà trovare una via di uscita.

Come è stato giocato

Abbiamo ricevuto un codice per il download da Steam.