Lentamente, a poco a poco, senza troppo clamore, PlayStation VR sta andando a comporre una line-up solida, fatta di grandi e piccole produzioni meritevoli di ogni attenzione, plauso, credito, anche da parte dei più scettici in materia di realtà virtuale.

Ai vari Resident Evil 7 bioharzard, Wipeout Omega Collection, Farpoint e Astro Bot Rescue Mission, difatti, bisogna aggiungere Tetris Effect, vera e propria pietra miliare che, pur essendo fruibile anche su un comunissimo televisore, solo in VR si tramuta in un’esperienza lisergica, estetizzante, aderente alla visione originaria del suo creatore, quel Tetsuya Mizuguchi già fautore di Rez Infinite, altra killer application per il visore di Sony, e soprattutto di Lumines.

Tetris Effect screenshot

Chiunque abbia adorato Lumines, amerà con identica intensità anche Tetris Effect

A ben vedere, potremmo ritenere l’ultima fatica di Ehnance Games quanto di più derivativo possibile, un collage di meccaniche ed effetti speciali trafugati da altre produzioni e all’occorrenza riutilizzati, riciclati, riproposti simili in tutto.

Tetris Effect è la somma del gameplay del celebre gioco inventato da Aleksej Leonidovič Pažitnov, fuso allo stile artistico visto ed apprezzato nel già citato Lumines. Il risultato, insomma, non è affatto originale, ma, con la complicità delle meraviglie garantite dalla realtà virtuale, siamo stati testimoni di uno spettacolo da osservare, ascoltare e tutto da giocare difficilmente descrivibile, prigionieri consenzienti di un turbinio di suggestioni che ci ha ipnotizzati, emozionati, estasiati nel vero senso della parola.Tetris Effect è la somma del gameplay del celebre gioco inventato da Aleksej Leonidovič Pažitnov, fuso allo stile artistico visto ed apprezzato nel già citato Lumines

Il cuore pulsante dell’offerta, risiede ne Il Viaggio, modalità che vi porterà a spasso per una trentina scarsa di livelli, da completare, uno dopo l’altro, a patto di eliminare un numero sufficiente di linee, ovviamente incastrando tra loro i vari tetramini che precipitano dall’alto. Inanellando combo e più in generale procedendo con successo nella propria opera di pulizia, non solo vedrete riempirsi progressivamente la barra che gestisce la Zona, unica feature che tenta di svecchiare la formula classica, costituendosi come un potere che interrompe per una manciata di secondi la discesa automatica dei tetramini.

A rendere il tutto più coinvolgente e magico è il graduale raccordarsi di musica ed effetti grafici che rendono progressivamente più impattante il comparto scenico che circonda il videogiocatore, immerso com’è in uno scenario digitale vibrante ed allucinogeno.

Fondali marini in cui si inseguono pesci di ogni genere e forma, si alternano a paesaggi metropolitani pulsanti di luci e neon e a spettacolari tuffi nello spazio siderale. Più allontanerete lo spettro del game over, più verrete risucchiati da un vortice fatto di immagini assuefacenti e tracce musicali che spaziano dalla minimal, alla trance, passando per la chill-out e la soulful dance.

Tetris Effect, fortunatamente, non si consuma in quest’unica modalità, ma ne offre altre che mescolano le carte in tavola, mettendo a dispozione intriganti varianti alle meccaniche ludiche che solitamente governano l’acclamato puzzle game.  Tra le molte, vale la pena citare Focus, che a partire da una specifica predisposizione dei blocchi lungo la griglia, impone di eliminare tutte le righe entro un certo numero di mosse; Relax in cui viene eliminata la possibilità di incappare in un game over; Mistero, dove dovrete fronteggiare malus attivati in maniera assolutamente casuale, come lo spostamento di alcuni tetramini e la comparsa di blocchi giganti.

Tetris Effect screenshot

Correrete su YouTube e Spotify alla disperata ricerca della soundtrack. Garantito

Nulla di realmente innovativo, anche in questo caso, ma si tratta di piacevolissime variazioni sul tema, che regalano longevità extra ad un titolo di per sé senza fine, a patto di essere amanti della caccia all’highscore.

Purtroppo, Tetris Effect si macchia di un’unica, grande colpa: l’assenza del multiplayer, non solo online, ma anche in locale, mancanza che farà storcere il naso soprattutto ai videogiocatori più attempati, forgiati dal fuoco di mille battaglie all’ultimo tetramini.

La creatura di Tetsuya Mizuguchi pecca in originalità, ma è senza dubbio alcuno un puzzle game d’impatto, artisticamente ispiratissimo, un indiscusso must buy per qualsiasi possessore di un PlayStation VR. Il gioco se la cava alla grande anche su un normale televisore, beninteso, ma è solo in realtà virtuale che diventa realmente speciale, unico, magico.

VOTO8,5
Tipologia di gioco

Tetris Effect è la somma delle meccaniche ludiche del gioco inventato da Aleksej Leonidovič Pažitnov e dell’estetica di Lumines.

Come è stato giocato

Ci siamo persi per ore e ore all’interno del nostro PlayStation VR, cercando di battere continuamente i nostri highscore e, più in generale, per rivivere nuovamente le emozioni offerta da Il Viaggio.