È straripando di personaggi e livelli e brani di accompagnamento e tantissimo altro ancora che Super Smash Bros. su Nintendo Switch si merita quell’Ultimate che ne completa il titolo e che ne indica non solo il perentorio essere definitivo ma anche, forse, la necessità di chiudere con la serie come l’abbiamo sempre conosciuta, perché difficilmente da qui si potrà andare avanti per addizione, occorrerà cambiare, forse stravolgere. È vero, i capitoli delle serie picchiaduro a incontri si succedono più per novità quantitative che nelle fondamenta del gameplay, ma in Super Smash Bros. Ultimate c’è talmente tanta roba che è impossibile non indicarlo come un punto d’arrivo, come la fine di un viaggio, iniziato su Nintendo 64 e articolatosi secondo le direzioni indicate da Masahiro Sakurai e dal suo team.

Con una simile premessa è facile capire subito quanto il gioco sia maestoso, è perfettamente inutile rimandare alle ultime righe di questa recensione tale affermazione, perché sorge immediato il bisogno di provarne a descriverne le dimensioni. Provare appunto, perché al contrario di quanto stabilisce il famoso dettato del maestro Yoda (“Fare, o non fare. Non c’è provare”) è difficile far capire quanto Super Smash Bros. Ultimate sia grosso. Potremmo affidarci ai numeri, ma sarebbe in realtà totalmente inutile, perché non è quantitativamente che si può stabilire la qualità dell’operato di Nintendo. 74 personaggi non vuol dire nulla: dice molto di più 74 personaggi estremamente diversi da giocare, persino quelli Echo, versioni alternative di alcuni componenti del roster, hanno un feeling diverso rispetto a quello di riferimento, utilizzare Simon Belmont o Richter non è assolutamente la stessa cosa (a proposito: benvenuti!). Dice praticamente tutto l’evidentissima cura che è stata infusa nella realizzazione di ognuno di essi, rilevabile non solo da moveset che sfruttano in maniera intelligente elementi dell’immaginario dal quale ogni singolo personaggio proviene, ma anche da animazioni che con pochi tocchi ne connotano la personalità (provate tutte le taunt di ognuno per averne una lucente conferma) e da quella valanga di tocchi di classe che di come lavorino Sakurai e il suo team sono il biglietto da visita (tanto per rimanere ai Belmont, afferranno gli avversari uomini per il petto, le donne per il bavero: che signori!).

Super Smash Bros. Ultimate screenshot

Mettere insieme tutta questa valanga di tizi più o meno conosciuti (alcuni lo sono diventati più grazie a Super Smash Bros. che ai videogiochi dei quali sono protagonisti, chiedere a praticamente quasi tutti quelli di Fire Emblem) in arene a tema, che offrono delle riproduzioni in scala, praticamente dei diorami, di videogiochi o intere serie, utilizzandone vari elementi definitori non solo come ornamenti ma come soluzioni di gameplay, funzionava alla grandissima nel 1999 e continua a farlo anche oggi. Tutta la sua filosofia, un po’ caciarona ma per niente arraffazzonata, si esplica nell’azione che è la chiave di volta del tutto, lo Smash appunto, perché per i pochi che non lo sapessero qui non si punta a svuotare la barra di energia del proprio avversario, ma a spararlo fuori dal ring (a destra, a sinistra, in alto, in basso) e lo Smash è la mossa ideale per farlo (dopo averne fatto salire a furia di mazzate la percentuale di “sparamento”), che anche nella sola esecuzione, con quello scatto dello stick analogico sinistro e la pressione del tasto A, descrive un gameplay furioso ma allo stesso tempo tecnico. Il godimento derivante dallo sparare fuori il proprio avversario dopo un match serrato è fisico, e spesso accompagnato, soprattutto nelle partite multiplayer in locale, da bestiali ruggiti.

“È arcinoto come sia proprio con amici a tiro di sberleffo (e di gomitata, e di coppino) che Super Smash Bros. dia il meglio, Ultimate non fa eccezione”È arcinoto come sia proprio con amici a tiro di sberleffo (e di gomitata, e di coppino) che Super Smash Bros. dia il meglio, Ultimate non fa eccezione, ma offre anche al giocatore solitario un validissimo intrattenimento, che consta soprattutto di una modalità classica, nella quale affrontare una serie di match, e soprattutto de La stella della speranza. Nella modalità classica si susseguono una serie di incontri che, attraverso vari espedienti, cercando di immergere il giocatore nell’immaginario del personaggio selezionato: le progressioni sono quindi differenti, sfruttano personaggi, stage, brani e boss finali per costruire piccole avventure a tema, ma l’esperienza complessiva è comunque piuttosto basilare.

La stella della speranza è altra cosa, è un’avventura enorme che si dipana attraverso un mondo di uguali dimensioni, nel quale si procede sconfiggendo Spiriti in battaglie che sono sempre diverse, perché ogni spirito è una figurina di un personaggio videoludico e affrontarlo significa combattere contro un componente del roster con una variabile che lo fa assomigliare ad esso. Le combinazioni sono quindi infinite, il fatto che ogni spirito sia arruolabile e che sia possibile farlo salire di livello, abbinando la sua potenza a quella del personaggio, produce un meccanismo assuefacente e ottenerne di particolari significa sbloccare l’accesso a nuove aree, a nuove sfide, a nuovi personaggi da salvare, a boss da sconfiggere, prima di combattere il boss finale. Non è quanto basta a evitare, sul lungo periodo, una certa sensazione di ripetitività, mancando anche un supporto narrativo di qualunque tipo (niente scene di intermezzo o altro), ma ore e ore divertenti di gioco sono garantite.

Super Smash Bros. Ultimate screenshot

Vista la sua mole Super Smash Bros. Ultimate si può permettere anche di perdere qualcosa per strada in termini di modalità (la mancanza dell’Home Run Contest grida vendetta) senza venirne danneggiato. E poi c’è l’online, non sempre fluidissimo, dalle opzioni basilari ma comunque affidabile. Semplicemente, è la più grande delle risse Nintendo, persino straripante nella selezione di personaggi, ambientazioni e brani, che sono quanto di più ne definisce la natura. Così, nel bel mezzo di festival delle mazzate tanto belli da giocare quanto da vedere potrà occasionalmente venire fuori una piccola domanda, “e dopo Ultimate?”, ma l’interrogativo sarà subito sparato via da un roboante Smash.

VOTO9
Tipologia di gioco

Super Smash Bros. Ultimate è un picchiaduro a incontri nel quale si fronteggiano innumerevoli icone videoludiche, Nintendo e non.

Come è stato giocato

Abbiamo ricevuto da Nintendo un codice per il download da eShop.