Not A Hero ha due grandi pregi. Il primo, ovvio, scontato, rivelatore dei nostri inestinguibili guai finanziari: è gratis. Complici i mesi di ritardo accumulati dagli sviluppatori, questo DLC si è travestito in una sorta di regalo di Natale che Capcom ha voluto offrire a tutti i fan della saga, già premiati, invero, della fiducia dimostrata al brand, dopo i mezzi passi falsi di Resident Evil 5 e Resident Evil 6, con un capitolo che ha saputo riportare la saga ai fasti d’un tempo.

In seconda battuta, questo contenuto aggiuntivo si dimostra rispettoso della formula che ha ridato vigore al brand, pur riuscendo a proporre qualcosa di nuovo, che non si configura unicamente come il proseguo di un’avventura che si era conclusa con un cliffhanger non da poco, monito e presagio di un inevitabile ulteriore atto.

Con il povero Ethan tratto in salvo (sarà veramente così?), tocca nuovamente a Chris Redfield, temprato volto noto della saga, prendere in mano la situazione, nel tentativo di chiudere i conti con la famiglia Baker con pungo di ferro, poche esitazioni e molto piombo.

Resident Evil 7 biohazard Not A Hero screenshot

La stessa interfaccia di gioco, tradisce l’avvicinamento di questo DLC al genere degli FPS.

Il cambio di registro è evidente sin dall’inizio, sebbene nulla, all’apparenza, sembri veramente cambiato. La visuale in prima persona è al suo posto e, complici le numerose trappole costruite ad arte da Lucas, bisogna muoversi lentamente e con circospezione nelle prime aree di gioco che, guarda caso, sono le stesse già visitate nell’avventura principale.

Il backtracking è il difetto maggiore di Not A Hero. Ritornare sui propri passi anche più volte, vista la durata totale del DLC, che non supera le tre ore, non è proprio il massimo. Fortunatamente, vuoi per la zona in cui si conclude l’epopea di Chris, questa totalmente inedita, vuoi per le nuove minacce introdotte dagli sviluppatori, la cosa non disturba più del dovuto.“Le fasi iniziali, più fedeli alla tradizione dei survival horror, lasciano progressivamente il passo a momenti concitati, spiccatamente action e affini, per feeling, a quelli di uno sparatutto.”

Proprio queste presenze oscure donano un sapore particolarmente speziato all’esperienza, che si distacca sensibilmente, da quanto esperito in precedenza, proprio per l’alto tasso di momento adrenalinici in cui dare fondo alla comunque risicata scorta di proiettili in possesso del nostro. Al di là dell’emozionante scontro finale, i micomorfi si faranno pochi problemi a braccarvi senza troppi complimenti, costringendovi a dare sfogo alla forza bruta di Chris che, all’occorrenza, potrà anche avvalersi di tutti i suoi muscoli per finire i nemici storditi.

In realtà virtuale, Not A Hero causerà qualche problema in più a chi è incline agli effetti dannosi della motion sickness, visto il ritmo sensibilmente maggiore. Allo stesso tempo, tuttavia, il gioco offre un ampio spettro di emozioni, che coinvolgeranno efficacemente lo spettatore, al di là dei suoi gusti personali. Le fasi iniziali, più fedeli alla tradizione dei survival horror, lasciano progressivamente il passo a momenti concitati, spiccatamente action e affini, per feeling, a quelli di uno sparatutto.

Non c’è mai un cambio totale e drastico di genere, non c’è traccia di Call of Duty, o di The Umbrella Chronicles per restare in tema, ma preparatevi a scaricare qualche caricatore con la leggerezza (e la gioia interiore) di chi ha finalmente i mezzi per difendersi degnamente da minacce che, nei panni di Ethan, aveva imparato a temere senza mezzi termini.

Resident Evil 7 biohazard Not A Hero screenshot

Tra le caratteristiche più chiacchierate di Not A Hero, sin dai tempi della sua presentazione, c’è sicuramente il volto di Chris, così diverso da quello esibito nei capitoli passati.

Not A Hero è un DLC di tutto rispetto, una graditissima appendice di Resident Evil 7 biohazard. La longevità non è affatto di casa, non manca del fastidiosissimo backtracking, a parte lo scontro finale non ci sono momenti memorabili che passeranno alla storia. Eppure ci si diverte, si scopre un retrogusto nuovo del gioco, ci si intrattiene con piacere sino ai titoli di coda. Fossero tutti così i contenuti aggiuntivi, per di più gratis, saremmo sicuramente più soddisfatti. Un bellissimo regalino di Capcom per questo Natale, che riceviamo volentieri.

 

VOTO7,5
Tipologia di gioco

Not A Hero è un DLC gratuito di Resident Evil 7 biohazard, maggiormente votato all’action.

Come è stato giocato

Il publisher del gioco ci ha fatto dono di un codice review in formato PlayStation 4. Abbiamo completato l’avventura, anche con indosso il PlayStation VR, in poco più di tre ore di gioco.