Un emulo di Lemmings, edulcorato ad arte e semplificato in ogni ambito, pensato ed impacchettato su misura per un pubblico poco smaliziato, magari attratto dall’esotismo scaturito dall’utilizzo della realtà virtuale, tecnologia che, per quanto paradossale possa sembrare, attrae facilmente e particolarmente i neofiti.

Sulla carta, l’idea, il concept da cui si è originato Pop-Up Pilgrims ha senso, valore, un peso di tutto rispetto. Del resto, che male c’è in un puzzle game dalle meccaniche di facile assimilazione e dall’art design accattivante, che punta sull’immersione garantita dal PlayStation VR per distinguersi dalla concorrenza? Assolutamente nulla, a meno che non ci si accorga, dopo un paio di partite, che l’appariscente involucro creato ad arte da Dakko Dakko, team di sviluppo già responsabile del più che discreto Scram Kitty And His Buddy On Rails, in realtà nasconda ben poco, per non dire nulla.

La sconcertante, disorientante e terribile verità si svela praticamente subito, non appena ci si rende conto che la realtà virtuale non è altro che uno specchietto per le allodole, una feature che non viene sfruttata in alcun modo, che finisce per essere scomoda e d’intralcio ad un puzzle game che sarebbe stato ugualmente divertente, se non di più, su un normalissimo televisore, per non dire sul piccolo display di una console portatile, come Nintendo Switch magari.

Pop-Up Pilgrims screenshot

Volendo, si può coinvolgere un amico in co-op. Nei panni di un cinghiale, giocando direttamente sulla TV, potrà fornire ulteriore supporto ai pellegrini in difficoltà.

Poco male se la creatura di Dakko Dakko non sfrutta i benefici della VR sotto il profilo prettamente ludico, ma desta più di una perplessità ruotare la testa e accorgersi che, in realtà, l’unica porzione di mondo che abbia qualcosa da mostrare sia quella posta di fronte all’utente. In tutte le altre direzioni, difatti, non c’è assolutamente nulla da vedere, se non una campitura monocromatica che simula il cielo.” Nonostante riuscitissime ed originali boss fight, a suggellare il superamento di uno scenario, i sessanta puzzle presenti hanno uno svolgimento piuttosto basico”

Superata la delusione iniziale, le cose migliorano una volta che si inizia a giocare, a patto, tuttavia, che non vi aspettiate qualcosa di complesso, originale, profondo. Come detto, Pop-Up Pilgrims scimmiotta Lemmings e Mario vs Donkey Kong. Nei panni di un’improbabile divinità, dovrete guidare i pellegrini verso l’uscita del livello, stando ben attenti ad indirizzarli sulla via più sicura, eludendo nemici, trabocchetti, pericoli. A differenza delle creature protagoniste del gioco originariamente pubblicato nel lontanissimo 1991, gli avatar non si lanceranno verso il vuoto quando la terra mancherà sotto i loro piedi, ma invertiranno autonomamente il senso di marcia, piccola variazione sul tema che rende enormemente più semplice il compito del videogiocatore e, al contempo, abbassa il ritmo di gioco.

Se da una parte è una scelta di design che possiamo comprendere, vista l’evidente volontà di strizzare l’occhiolino ad un target meno smaliziato, dall’altro non possiamo non biasimare un level design piuttosto povero, che esaurisce le idee in una manciata di schemi. Nonostante riuscitissime ed originali boss fight, a suggellare il superamento di uno scenario, i sessanta puzzle presenti hanno uno svolgimento piuttosto basico, legato alle stesse meccaniche che si ripresentano fondamentalmente immutate sino ai titoli di coda. È pur vero che per acciuffare tutti i collezionabili bisogna affinare ingegno e abilità con il pad, ma è fin troppo poco, indipendentemente dalla vostra esperienza con il genere. Non mancano nemici che tenteranno di abbattere i pellegrini, né negozi in cui acquistarne di nuovi per sostituire i caduti, ma le cose da fare, i pericoli da tenere in considerazione, resteranno praticamente sempre gli stessi per tutta la durata dell’epopea.

Pop-Up Pilgrims screenshot

Lo stile grafico è delizioso e ricorda i libri pop-up per bambini. La domanda, tuttavia, è sempre quella: c’era bisogno della realtà virtuale?

Anche il sistema di controllo, inoltre, mostra il fianco a qualche critica. Se trigger e analogico svolgono al meglio il compito preposto, rispettivamente far saltare il pellegrino prescelto e scivolare tra i livelli di parallasse che compongono ogni ambientazione, la selezione dell’avatar è affidata all’impreciso headtracking, comando che vi costerà un paio di game over almeno.

Pop-Up Pilgrims si macchia di una grave colpa: non è affatto onesto con il videogiocatore. Lo costringe ad indossare il PlayStation VR, ad accettarne le indiscutibili scomodità, senza dare nulla in cambio, mortificando le reali potenzialità di questa avveniristica tecnologia. Anche come puzzle game si rivela assolutamente modesto, divertente a patto che non cerchiate nulla di impegnativo, né di originale, ideale solo per intrattenervi per una manciata di partite senza alcuna pretesa.

Ci aspettavamo sicuramente di più da Dakko Dakko, pur constatando che non ci troviamo di fronte ad un pessimo lavoro.

 

VOTO6
Tipologia di gioco

Pop-Up Pilgrims è un puzzle game in cui, similmente a quanto accadeva in Lemmings, dovrete scortare un gruppo di personaggi verso l’uscita del livello di turno.

Come è stato giocato

Lo sviluppatore del gioco ci ha fatto dono di un codice review. Abbiamo completato i sessanta livelli in cinque ore, giocando sulla versione standard di PlayStation 4.