Fearful Symmetry & The Cursed Prince, per una precisa scelta del produttore e dello sviluppatore, l’italianissima Gamera Interactive, è un puzzle game minuscolo, dal concept semplicissimo, che si avvale una veste grafica, per quanto vintage e dal sicuro fascino, minimale, priva di qualsiasi fronzolo. Anche la trama, che tenta di giustificare, in qualche modo, la sequela di livelli che vi separano dai titoli di coda, è evanescente, senza alcuna ambizione, né pretesa. Si potrebbe quasi ritenere questa produzione un esperimento per comprovare le capacità sul fronte del level design del team, può darsi che sia realmente così, ma poco importa, visto che, nonostante tutti i limiti del caso, siamo di fronte ad un prodotto che funziona, capace di regalare qualche ora si sano intrattenimento.

L’idea di fondo che anima l’intero gioco è la simmetria. Due personaggi si muovono simultaneamente e specularmente sullo schermo. Il giocatore ne controlla solo uno, quello nella parte sinistra dello schermo, causando di conseguenza gli spostamenti dell’altro. L’obiettivo è semplicissimo: raggiungere l’uscita, magari recuperando qualche tesoro lungo il cammino, evitando trappole, nemici, ostacoli.

Fearful Symmetry & The Cursed Prince screenshot

giocarlo tranquillamente anche su PC, via Steam, e viceversa.

Nulla di così innovativo, né inedito. The Witness, per citare il caso più riuscito e recente, utilizzava lo stesso principio, eppure si resta comunque catturati da una produzione la cui miglior fruizione possibile passa attraverso piccole sessioni in cui completare non più di un paio di livelli per volta.

La difficoltà di ogni schema, difatti, è lievemente sopra la media. Superate le prime prove, che fungono da tutorial, la situazione si complica immediatamente con l’apparizione di mostri e trappole che occupano differenti caselle nei rispettivi percorsi dei personaggi. Bracieri infuocati, mortali presenze ectoplasmatiche, cadaveriche braccia che si sollevano dal terreno con l’appropinquarsi dell’avatar, gli ostacoli da fronteggiare sono moltissimi e, a conti fatti, sono l’unico elemento su cui si basa il level design.“L’idea di fondo che anima l’intero gioco è la simmetria.”

Tutti gli schemi si sviluppano su una pianta rettangolare, ripresa da una telecamera dall’alto, in cui sono sempre visibili sia il punto di partenza, che quello di arrivo. La difficoltà, quindi, risiede nel trovare il sentiero sicuro che eluda le trappole e vi tenga a distanza di sicurezza dalle presenze ostili.

Solo alcuni livelli non presuppongono e richiedono la cara e vecchia tecnica del trial & error, motivo per cui è meglio godersi Fearful Symmetry & The Cursed Prince a piccole dosi. In alcuni casi bisogna affidarsi alla memoria, scoprendo la strada giusta solo dopo essere piombati, inconsapevolmente, in una trappola. In altri, bisogna muoversi rapidamente, prima che restiate inevitabilmente trafitti da una freccia vagante o che finiate mortalmente braccati da un fantasma. Morire, insomma, è più facile di quanto si possa pensare, anche perché in alcuni casi si perde l’orientamento, costretti a considerare, simultaneamente, troppi pericoli, sia da una parte, che dall’altra dello schermo.

Fortunatamente, l’avventura non scade mai nella frustrazione, proponendo puzzle impegnativi, ma sempre chiari nelle regole che impongono per la loro risoluzione. Aiuta molto, in questo senso, la varietà del level design, propositivo sino alla conclusione, introducendo di continuo nuove difficoltà da superare e persino personaggi dotati, di volta, in volta, di poteri con cui trovare soluzioni alternative agli enigmi.

Non manca un minimo di riciclo, livelli che si ripetono con piccole modifiche, ma anche in questo caso non si sente mai alcuna pesantezza, né sovviene il desiderio di abbandonare una prova perché ritenuta troppo difficile, anche dopo decine di tentativi falliti.

Fearful Symmetry & The Cursed Prince screenshot

Il secondo personaggio che potrete controllare ha la capacità di teletrasportarsi di una casella.

Elementare e risicatissimo il comparto grafico, votato alla pixel-art, che, per proporzioni dei personaggi e palette di colori utilizzati, ci ha assurdamente ricordato il vecchissimo Alex Kidd In Miracle World, platform bidimensionale del 1986 pubblicato su SEGA Master System.

Fearful Symmetry & The Cursed Prince è un prodotto di nicchia, rivolto esclusivamente agli amanti dei puzzle game, a caccia di un prodotto che sappia metterli in difficoltà, senza comunque appesantirli eccessivamente. L’avventura si completa, senza troppe difficoltà, nel giro di sei, sette ore, nelle quali non ci si annoia mai, soprattutto se si affrontano i livelli un poco per volta. Consigliato, a patto di non avere troppe aspettative su un prodotto dal concept e dalle ambizioni volutamente ridotte.

VOTO7
Tipologia di gioco

Fearful Symmetry & The Cursed Prince è un puzzle game in cui si controllano due personaggi contemporaneamente, che si muovono specularmente tra loro.

Come è stato giocato

Gamera Interactive ci ha fornito un codice del gioco. Abbiamo completato tutti i livelli in sette ore.