Tanto tuonò che piovve, ovvero tanto a lungo e con tanta insistenza i giocatori hanno chiesto che Call of Duty tornasse alla sua ambientazione storica originale, la Seconda Guerra Mondiale, che alla fine sono stati accontentati da Activision e Sledgehammer Games. D’altronde l’avevamo fatto anche noi, qualche tempo fa, convinti che avrebbe fatto benissimo alla serie un ritorno alla origini, spezzando quella catena di progressivi avanzamenti temporali che l’aveva portata fino ad un futurismo quasi sci-fi, ad una standardizzazione fatta di atletismi esasperati, armi roboanti, perk sgravati e accompagnata dalla stagnazione degli elementi che di Call of Duty da sempre costituiscono l’ossatura come e forse più del gameplay stesso, ovvero eventi scriptati e spettacolarità. Call of Duty: WII risolve il primo dei problemi, ritornare a quando non si spiccavano salti clamorosi e si sparava con armi basilari rende l’esperienza di gioco più genuina, ma non il secondo, dipendendo ancora troppo dal contorno, in sostanza non riuscendo ancora a fornire la propria interpretazione moderna della campagna di un FPS, intendendo per FPS moderno un Titanfall 2, un Wolfenstein II: The New Colossus, un Destiny 2, insomma un’esperienza basata sullo sparo che sia qualcosa in più che una shooting gallery.

Il compito di Sledgehammer Games, rispetto a quello dei team responsabili dei titoli citati, era senz’altro più arduo, perché di vie per rendere più gustosa e al contempo più profonda l’esperienza di gioco di un FPS senza fronzoli, rispetto ad uno futuristico o caciarone, ce ne sono poche; il team non c’era riuscito prima, quando aveva anche l’ambientazione e il contesto dalla sua, non poteva avere la bacchetta magica e riuscirci al primo colpo ora, il ritorno alla Seconda Guerra Mondiale non poteva essere salvifico o rivelatorio, ma poteva sistemare varie problematiche e risegnare la via, che è effettivamente quanto si è verificato. E’ difficile immaginare un Call of Duty che possa spingere forte sul realismo esasperato per farsi più significativo a livello ludico e altri esempi di cosa possa ristrutturarne il gameplay, volendo rimanere in quel contesto storico o comunque senza sfociare nel quasi sci-fi, francamente non ce ne vengono. La sublimazione dell’esperienza di gioco tipica della serie d’altronde la si è già avuta, con Call of Duty: Modern Warfare, che abbinava al salto temporale una grande varietà di situazioni e molti momenti memorabili, tanto da risultare affascinante ancora oggi, ma che comunque non esibiva particolari evoluzioni di gameplay.

Call of Duty: WWII screenshot

L’introduzione della possibilità di chiedere supporto di vario tipo ad alcuni compagni è irrilevante nell’economia del gioco

Ecco, forse quello che più manca alla campagna di Call of Duty: WWII è una maggiore dose di eventi dal forte impatto emotivo, la capacità di rimanere impressa nella mente del giocatore, di stordirlo, di sopraffarlo, di terrorizzarlo, di commuoverlo, di gonfiargli il cuore. E’ evidente fin dalla primissima scena, lo sbarco in Normandia, piuttosto scialbo, che il team di sviluppo non ha quel tocco, così come lo è anche dal punto di vista della narrazione, che racconta uomini poco interessanti. Ci sono missioni nelle quali avvengono cambi di prospettiva tra vari personaggi, variazioni secche di ritmo, nelle quali insomma si cerca di fare qualcosa in più che semplicemente sparare, e sono tutte apprezzabili, così come lo sono i momenti strettamente bellici, che spesso si risolvono con trovate spettacolari, ma solo in paio di occasioni ci si sente realmente coinvolti. E’ comunque evidente che nel suo ritrovato contesto originale la serie funzioni meglio, il gameplay spara e copriti è più adatto alla guerra convenzionale, senz’altro, e il fascino delle armi dell’epoca è irresistibile: l’M1 Garand e i suoi amici fanno sempre la loro figura, anche al netto di un feeling dello sparo non particolarmente stuzzicante.

“E’ evidente che nel suo ritrovato contesto originale la serie funzioni meglio, il gameplay spara e copriti è più adatto alla guerra convenzionale, senz’altro, e il fascino delle armi dell’epoca è irresistibile”Ad una esperienza per il singolo giocatore godibile ma non esaltante si accompagna un comparto multiplayer tradizionale ma molto ricco, che propone per la maggior parte modalità classiche, dal Deathmatch a squadre a Cattura la bandiera, altre più strutturate, ma sempre conosciute ai patiti del gioco online, come Postazione, nella quale contendersi determinate zone, o Uccisione confermata, che richiede non solo di eliminare i nemici, ma anche di collezionarne le piastrine, e la ormai di regola, ma trita e ritrita, modalità zombi. La più particolare è senz’altro Guerra, simile a modalità analoghe viste in titoli come Day of Defeat, nelle quali le due fazioni si fronteggiano cercando di completare (o di impedire il completamento di) vari obiettivi di un’operazione: per gli attaccanti vincere significa completarli tutti, per i difensori basta interrompere i primi in un punto per far saltare l’intera operazione. Guerra è molto interessante da giocare, nonché perfetta per il contesto bellico del gioco, ha perfettamente senso che ondate di giocatori si riversino l’una contro l’altra in disperati tentativi di tenere o conquistare una posizione, dovendo comunque fare affidamento su un po’ di strategia per evitare di morire come mosche; è anche la più permissiva verso il giocatore non particolarmente avvezzo al multiplayer, che nelle altre trova indubbiamente difficoltà, a causa di un matchmaking che non si fa problemi a mischiare novizi ed espertissimi e, più in generale, di un modello che richiede abilità ben allenate.

Call of Duty: WWII screenshot

Una missione prevede un intenso dogfight: passato l’entusiasmo dei primi secondi, nulla di emozionante

Funziona quindi a metà il ritorno alle origini di Call of Duty: WWII. Ribadisce che per attinenza al gameplay, toni della narrazione e impatto scenografico sia la Seconda Guerra Mondiale, o comunque la guerra aperta convenzionale, il suo miglior contesto, ma anche quanto poco la serie possa fare affidamento sul suo gameplay, perché nel momento in cui viene a mancare l’epica nei momenti della campagna rimane scoperto un impianto di gioco che ormai sa più di shooting gallery che di FPS moderno: è, in sostanza, un Call of Duty II con un impianto tecnico attuale (di tutto rispetto). Il multiplayer è solido, ma rispetto a quello di altri congeneri l’unico suo vero guizzo è la modalità Guerra e nei loro riguardi soffre della minore qualità dell’esperienza di sparo. C’è stato un tempo in cui la serie era il riferimento del genere, un tempo che ormai è passato, lasciando al passo ad una serialità senza picchi: Call of Duty: WWII è comunque migliore dei suoi più vicini predecessori, ma non la ristrutturazione della quale c’è bisogno.

VOTO7
Tipologia di gioco

Call of Duty: WWII è uno shooter in prima persona ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale.

Come è stato giocato

Abbiamo ricevuto un codice per il download da PlayStation Store.