Thing Trunk è un team di sviluppo indipendente polacco che ha una grande ambizione: creare un universo condiviso videoludico. Si chiama Paperverse, tutti i titoli di questo mondo narrativo sono all’interno di una serie chiamata Return 2 Games, il primo ad essere pubblicato è Book of Demons, che dopo due anni di accesso anticipato è finalmente giunto alla release finale. L’omaggio a Diablo è palese fin da subito, una dichiarazione d’intenti che però forse rinchiude fin troppo la produzione all’interno della nostalgia per il classico Blizzard.

Ma andiamo con ordine. Book of Demons è un action RPG abbastanza classico, se non fosse per alcune peculiarità. Intanto l’estetica, che rappresenta tutto il mondo di gioco come fosse una sorta di gigantesco libro pop-up, un mondo nel quale ogni elemento è fatto di carta. Un’idea interessante, che dà immediatamente al gioco una sua identità, pur sacrificando ovviamente un po’ di dinamismo nelle animazioni, in favore dello stile. L’umore del gioco, proprio per questo motivo, non è oscuro e serioso come in Diablo, ma si presta spesso ad ironia, battute e citazioni sparse qua e là.

Book of Demons screenshot

Le famose paperelle dei dungeon

A partire dalla trama, che ruota intorno ad una cittadina assediata da un male che arriva da un oscuro monastero. Vi ricorda qualcosa? Magari proprio Diablo, vero? Il problema è proprio questo, ovvero che il gioco non riesce mai a distaccarsi completamente dalla sua illustre ed ingombrante ispirazione. L’impressione è che gli sviluppatori abbiano avuto paura, in un certo senso, di spingersi un po’ in là e lasciare il segno, accomodandosi invece nell’accogliente alcova della nostalgia. Per farvi un esempio, al di là della trama e delle ambientazioni chiaramente derivative, il primo vero boss del gioco è esattamente Macellaio, proprio identico.

“Il combattimento è molto basilare, tutto è affidato alla pressione del tasto sinistro del mouse, ma gli scontri con i nemici diventano quasi dei minigiochi o delle sfide a sé stanti”Detto ciò, Book of Demons è tutto meno che un titolo scadente. Ripropone la classica formula hack and slash, con alcune derive interessanti. Il combattimento è molto basilare, tutto è affidato alla pressione del tasto sinistro del mouse, ma gli scontri con i nemici diventano quasi dei minigiochi o delle sfide a sé stanti. Alcuni degli avversari che affronteremo hanno infatti uno scudo da infrangere prima di poter infliggere danni (un’icona vicino ai punti vita sulla quale cliccare furiosamente); gli incantatori sono immuni ai danni finché lanciano incantesimi; altri scateneranno un’onda venefica alla morte; altri ancora sono invincibili finché non vengono distrutti altri servitori ad essi legati (collegati tra loro con una linea tratteggiata).

Book of Demons screenshot

Dungeon crawling su binari, come può funzionare?

Sebbene, di fatto, il sunto del dungeon crawling sia il solito, ancor più ripetitivo che in Diablo, clicca-muovi-clicca, le schermaglie assumono un ruolo più dinamico, se non fosse per quello che è il problema inevitabilmente più grave della produzione. In Book of Demons infatti non ci si muove liberamente, ma il percorso nei dungeon (generati casualmente) è composto da una sola corsia, con vari bivi ed incroci. Una scelta che fa sì che nei momenti più concitati ci si ritrovi letteralmente incastrati dai nemici, senza nessuna possibilità di potersi liberare con l’ingegno, e allora si inizian a cliccare furiosamente sperando di abbattere gli avversari che ostacolano la strada.

L’altro problema, meno evidente e frustrante, è che sebbene Book of Demons voglia essere anche un gioco di ruolo, di fatto non c’è nessuna progressione del personaggio. Si può scegliere tra tre classi: guerriero, mago ed arciere. Non c’è quasi nessuna differenza tra le tre, se non nelle carte che gestiscono l’equipaggiamento. Il mazzo è composto una lista di esse che si possono equipaggiare a seconda del quantitativo di mana in possesso del personaggio (che, come i punti vita massimi, sono gli unici aspetti che si possono modificare in fase di passaggio di livello). Le carte verdi sono bonus passivi, spesso equipaggiamento, come armi o oggetti magici, le rosse sono consumabili, come pozioni o intrugli di vario tipo, le carte blu consumano mana e sono delle abilità da attivare, effetti magici o incantesimi di vario tipo.

Book of Demons screenshot

Prima di ogni esplorazione avremo un’anteprima dei nemici che incontreremo

Purtroppo duole constatare che, a meno che non apprezziate in modo smisurato le esperienze ripetitive di questo tipo, Book of Demons esaurisce le sue carte (gioco di parole non voluto, ma azzecato) abbastanza presto. Diablo è altresì ripetitivo, ma nel titolo Blizzard c’è sempre stata la fondamentale possibilità di variare l’esperienza con nuove classi, talenti, o in generale opzioni ludiche che giustificano la rigiocabilità. In questo caso oltre a provare le nuove classi o sperimentare nuovi livelli di difficoltà (la sfida “Roguelike” prevede permadeth per ogni personaggio e perdita permanente delle carte ottenute), il rischio di esaurire tutta l’attrattiva in un paio d’ore è fortissimo.

Ed è un peccato, perché Book of Demons funziona, ma avrebbe avuto bisogno di un po’ di personalità in più. Per questo la valutazione è fondamentalmente positiva, nonostante le perplessità è un titolo che si gioca piacevolmente, anche per via di trovate interessanti come il flessiscopio. Questo neologismo rappresenta un sistema di generazione dei dungeon davvero brillante, per cui a seconda del tempo che vogliamo impiegare nell’esplorazione ci imbarcheremo in un’avventura più o meno lunga (varia la distanza dal boss finale) ma sempre soddisfacente. Un algoritmo plasma nemici e sfide in base alla durata dell’esperienza: densa e frenetica per partite corte, più diluita ed equilibrata in caso di partite più lunghe. Un sistema geniale, per cui facciamo un plauso a Thing Trunk e che speriamo venga riproposto in futuro.

VOTO7
Tipologia di gioco

Book of Demons è un dungeon crawler in stile Diablo, un “diablolite”.

Come è stato giocato

Abbiamo provato Book of Demons su PC, tramite Steam.