Gli articoli di Gabriele Niola

Aggiornato il 22 settembre 2018 alle 01:12

Non si può capire nulla dei videogiochi, della loro storia, dei loro meriti, delle loro innovazioni e dei cambiamenti che hanno portato nel loro settore e nella società, se non li si gioca. Il problema di moltissimi musei del videogame è che non c’è
Horizon Zero Dawn Xena Aloy megaslide

Il paragone più calzante per Aloy, la protagonista di Horizon Zero Dawn, è Xena. Lo si capisce da come è presentato il personaggio, da cosa fa e come gli altri si rapportano a lei. Ma trattandosi di un videogioco lo si capisce soprattutto dal gameplay. A
Super Mario Run megaslide

Ogni nuovo gioco progettato e realizzato all’interno da Nintendo ci ricorda l’ineluttabile fine della sua era. Non esistono più giochi di questo tipo se non quelli che vengono da questa casa straordinaria. Quando (prima o poi) smetteranno di produrne
Westworld speciale megaslide

Qualche mese fa, dopo le prime puntate di Westworld, avevamo scritto riguardo tutte le similitudini che la serie presentava con il mondo dei videogiochi, quanto cioè il parco dei robot fosse una grande allegoria dei videogame open world, come funzionasse

Mentre nel mondo reale le ideologie sembrano polarizzarsi verso gli estremi, anche nei paesi occidentali, nei mondi tradizionalmente più schematici inventati da cinema, televisione e videogiochi, queste sembrano diventare sempre più complesse, sempre
Battlefield 1 megaslide

Subito, fin dalle primissime immagini di battaglia, Battlefield 1 è evidentemente diverso da tutti gli altri giochi di guerra in soggettiva. Nonostante Call Of Duty sia un caposaldo che di nuova versione in nuova versione conferma la cura e la conoscenza
FIFA 17 vs NBA 2K16 megaslide

Dopo aver provato fino alla fine la modalità Il Viaggio di FIFA 17, quella nella quale non solo si costruisce la carriera di un giocatore ma si prende parte ad una vera e propria modalità single player, con un inizio e una fine, in cui una simulazione

Nel retro della chiesa rinascimentale in cui ha appena presentato Final Fantasy XV, Hajime Tabata riceve per interviste. Come un parroco di periferia che confessa in sagrestia, su una semplice sedia con accanto il traduttore, Tabata accoglie giornalisti