Ci eravamo lasciati con una dichiarazione di intenti molto precisa da parte di Nintendo e Masahiro Sakurai: everyone is here. Tutti sono qui, tutta la storia del franchise è presente in Super Smash Bros. Ultimate, ma non solo quella, perché c’è anche spazio per nuovi personaggi come Ridley e Daisy (che sebbene sia un personaggio Eco, non è mai stata giocabile finora).

Questo nuovo Direct, annunciato nel bel mezzo dell’EVO 2018, era difficile da prevedere in termini di contenuti. Il lunghissimo evento dell’E3 2018 aveva già sviscerato molte delle novità del titolo, e sembrava che ci si potesse ritrovare con un nuovo streaming con poco mordente. A posteriori, se Nintendo avesse invertito l’ordine dei due Direct, non ci saremmo di certo lamentati così tanto.

Ma andiamo con ordine.

Super Smash Bros. Ultimate Simon

In tutto il suo nostalgico splendore

L’annuncio più importante, che Nintendo ha scelto di riservare per primo, è l’inserimento di Simon e Richter Belmont nel roster. Simon è il personaggio originale, per così dire, mentre Richter fa parte della schiera dei personaggi Eco. Altrettanto prevedibile è l’affinità con il materiale originale in termini di mosse: catena, ascia, croce, e Smash Finale chiamato Gran Croce, tutto perfettamente a tema. Così come il loro scenario di riferimento, il Castello di Dracula, lo “scenario più tetro di Super Smash Bros. Ultimate. Nell’arena compaiono di tanto in tanto i boss della serie, con tanto di apparizione casuale di Dracula in persona, che andranno ad infastidire parecchio i lottatori. Chiude il pacchetto una selezione di 34 brani dalla serie che si ascolteranno solo in questo scenario.

Altri personaggi Eco poi: Chrom, che va ad ampliare il già succoso roster ispirato a Fire Emblem, dimostrando ancora una volta la volontà di Nintendo di investire in questo franchise, che sta riscuotendo sempre più consensi durante questa sua seconda vita. Un altro personaggio Eco di cui forse non si sentiva eccessivamente il bisogno è Samus Oscura, che replica ovviamente la famosa cacciatrice di taglie. I personaggi Eco, apprendiamo durante il Direct, potranno essere visualizzati nel menù di selezione in modo autonomo, oppure associati a quello originale per una visione più chiara.

In quanto a contenuti, avevamo già intuito quanto questo potesse essere il capitolo di Smash Bros. definitivo, ma grazie a questo Direct abbiamo finalmente le idee chiare. Tra la riproposizione totale di ogni scenario mai apparso e l’inserimento di alcuni nuovi, come il già citato Castello di Dracula e il Municipio di New Donk City, con tanto di Pauline e band ad accompagnare la battaglia, gli scenari presenti nell’iterazione per Nintendo Switch saranno ben 103. Ritornano ovviamente le versioni Omega per battaglie più professionali, così come la possibilità di togliere i pericoli ambientali ma mantenere la struttura fisica intatta, ed una interessante funzione per poter scegliere due scenari, i quali cambieranno durante la partita in un momento casuale, oppure ad un momento esatto del conteggio del tempo.

Super Smash Bros. Ultimate Dracula

Dracula comparirà nel suo scenario in maniera casuale

Parlando sempre di contenuti, i brani presenti nel gioco saranno più di 800, quasi 900 contando jingle e fanfare varie. Vista la natura enciclopedia del gioco sarà possibile anche ascoltare le musiche tramite le cuffie, autonomamente, portando la console con sé in modalità standby.

Ritorneranno tutte le regole presenti nei precedenti episodi, lo stock di vite, la modalità energia, tutti i modificatori del caso per rendere le partite ancora più caciarone e party, ma anche una nuova modalità nella quale lo Smash Finale verrà caricato da ogni personaggio e potrà essere attivato autonomamente dalla rottura della Sfera Smash, anche se sarà leggermente più debole. Una funzione interessante per far diventare il gameplay molto più simile a quello di un picchiaduro tradizionale e che potrebbe trovare uno spiraglio anche nella scena competitiva. Molte le modalità per gruppi numerosi di giocatori, come lo Smash di Gruppo, la Mischia Totale e il Torneo, un gradito ritorno che era inspiegabilmente assente nella versione per Wii U. Lo Smash di Gruppo vede due squadre di giocatori incaricati di usare un singolo personaggio, mentre nella Mischia Totale i personaggi che sono stati già usati verranno eliminati dalla partita successiva, il che dona un elemento strategico minimo anche alle serate con tanti smasher da divano.

In ottica eSport, verso cui Super Smash Bros. Ultimate sembra tendere, la modalità Allenamento prevede una precisa misurazione delle distanze di lancio, uno strumenti utilissimo per studiare le dinamiche dei personaggi, paragonabile al conteggio dei frame nei training mode dei picchiaduro più classici.

Super Smash Bros. Ultimate Rathalos

Il Rathalos, da Monster Hunter, sarà sia un boss che un assistente

Super Smash Bros. Ultimate vedrà l’inserimento di nuovi strumenti, assistenti e Pokémon. Tra gli assistenti non possiamo non menzionare la Luna di The Legend of Zelda: Majora’s Mask, che precipiterà sul campo di battaglia, e il Rathalos da Monster Hunter, che fungerà anche da boss. Per quanto riguarda il single player tornerà la modalità Classica con scontri a tema e, dando un’occhiata al menù principale del gioco, è plausibile immaginare che la modalità nascosta con un effetto pixelato potrebbe essere una sorta di modalità storia più articolata, che sarebbe perfetta vista la mole di personaggi presente nel titolo.

Ha chiuso il Direct l’importante annuncio di King K. Rool (con tanto di trollatina iniziale da parte di Nintendo/King Dedede) tra i personaggi giocabili, che va ad esaudire una delle richieste più pressanti degli appassionati. Per la portata di alcuni annunci l’evento, come detto in apertura, sarebbe stato perfetto per lo scorso E3 2018, ma è invece arrivato in un caldo pomeriggio di agosto. C’è una logica, prima la presentazione generale del gioco, poi le chicche (che a quanto pare non sono assolutamente finite, Sakurai ha affermato che altri annunci arriveranno prima dell’uscita del gioco), e va bene così, perché Super Smash Bros. Ultimate si rivela ogni volta di più la Smashpedia per eccellenza, quello che sarà inevitabilmente il capitolo finale della saga per come l’abbiamo sempre conosciuta.