Il prossimo 25 aprile Avengers: Infinity War sarà finalmente nelle sale e tutti potremo vedere finalmente in azione il villain che ormai da anni si prepara ad entrare in scena e che finora ha fatto solo un paio di fugaci apparizioni nelle pellicole dell’universo condiviso Marvel: Thanos. Il titano pazzo è stato protagonista di varie serie a fumetti, nelle quali ha fronteggiato i Vendicatori e non solo, sempre spinto dalla sua sete di potere, e recentemente ha anche fatto più volte capolino in alcuni videogiochi, ma a quando risale la sua introduzione videoludica?

Era il 1994, dopo una collaborazione non troppo proficua con Konami Marvel decise di concedere a Capcom la licenza per sviluppare videogiochi che avessero come protagonisti i suoi personaggi. Il primo, X-Men: Children of the Atom, picchiaduro a incontri che di fatto segnò nuovi standard per il genere in sala giochi, visto che abbandonava parzialmente il tecnicismo tipico degli Street Fighter e dei The King of Fighters a favore di un approccio più immediato. Il secondo, Marvel Super Heroes (1995), il quale, visto che i mutanti avevano avuto il loro videogioco (e ne avrebbero avuti tanti altri, sempre preferiti rispetto agli altri eroi), introdusse nella stessa struttura di gioco nuovi personaggi, alcuni dei membri degli Avengers, ovvero Captain America, Hulk, Spider-Man, Iron Man più altri come Doctor Doom e Cuore Nero. Se Cap, il Golia Verde, l’Arrampicamuri e Tony Stark avevano già avuto altre apparizioni videoludiche per un altro personaggio si trattà di un debutto, come boss finale, tra l’altro: Thanos.

Marvel Super Heroes screenshot

La prima apparizione videoludica di Thanos come boss finale…

Il titano era stato protagonista pochi anni prima, nel 1991, di un ciclo a fumetti storico, The Infinity Gauntlet, nel quale aveva mostrato tutta la sua potenza raccogliendo tutte le Gemme dell’Infinito, infilandone nel Guanto e togliendo la vita a vari eroi che avevano provato ad opporsi al suo compito, ovvero sterminare metà universo. Fu quel ciclo che diede nuova popolarità a un personaggio nato decenni prima ma comunque molto affascinante e moderno, perché forte, intelligente, non profondamente malvagio, capace di forti passioni, pertanto la sua scelta come boss finale era azzeccatissima: l’ultimo scontro avviene ai piedi del santuario che Thanos ha dedicato alla Morte, la sua amata, e per sconfiggerlo bisogna dare prova di grande abilità, visto che il titano ha dalla sua il potere delle Gemme e ognuna di esse (sei, ricordiamolo), gli garantisce una mossa speciale.

“in attesa di vederlo tra poche ore al cinema, e lì sarà veramente il boss finale dei boss finali, ora sapete dove andarlo a cercare qualora voleste avere con lui uno scontro decisivo per il destino dell’universo”Marvel Super Heroes non fu però l’unico gioco dell’epoca nel quale Thanos venne proposto come boss finale. Nel 1996 Capcom compì un’operazione simile a quella già messa in atto con X-Men: Children of the Atom e Marvel Super Heroes, ovvero proporre due giochi dello stesso genere, uno dedicato ai mutanti, l’altro agli Avengers (più ospiti): a X-Men: Mutant Apocalypse, picchiaduro a scorrimento del 1994 per SNES fece seguire Marvel Super Heroes in War of the Gems, sempre per la console 16 bit e sempre ispirato al ciclo The Infinity Gauntlet. Con chi è che Captain America, Spider-Man, Hulk, Iron Man e Wolverine devono scontrarsi alla fine del gioco? Esatto, ancora con Thanos! L’ambientazione dell’ultima battaglia è la stessa, il titano ricorre ancora ai poteri delle Gemme, ma l’impatto non è propriamente lo stesso, soprattutto perché se Marvel Super Heroes è ancora oggi una produzione divertente da giocare Marvel Super Heroes In War of the Gems non era un gran titolo nemmeno al tempo.

Marvel Super Heroes in War of the Gems screenshot

… e la seconda, non ugualmente memorabile

Da lì in poi Thanos è sempre stato una presenza di rilievo e frequente nei videogiochi tratti dall’universo Marvel, ma non è stato più un boss finale, ruolo che invece, visto il suo carisma e la sua potenza, dovrebbe spettargli sempre, di diritto! C’è andato molto vicino in Marvel vs. Capcom: Infinite, ma…Di più non vi riveleremo, non vogliamo di certo rovinarvi la sopresa. Quindi, in attesa di vederlo tra poche ore al cinema, e lì sarà veramente il boss finale dei boss finali, ora sapete dove andarlo a cercare qualora voleste avere con lui uno scontro decisivo per il destino dell’universo.