Sequel spirituale del meraviglioso Titan Quest, Grim Dawn si è fatto decisamente attendere. Dopo mille traversie, quali la chiusura del team originale, il rilancio del progetto grazie a Kickstarter e ad una lunghissima fase nella quale il gioco è stato disponibile su Steam in Early Access, il titolo made in Crate Entertainment è disponibile nella sua incarnazione definitiva da qualche settimana, carico di una serie di aspettative decisamente non da poco per i fan del genere action RPG à la Diablo.

Non c’è molto spazio per colori, umorismo e ambientazioni lussureggianti in Grim Dawn, dato che l’impostazione fantasy tipica del genere lascia qui il posto a un taglio steampunk particolarmente macabro e violento. Cairn, questo è il nome del mondo di gioco che di base tanto somiglia a un Inghilterra vittoriana dopo l’Armageddon, è da tempo vittima di una violenta guerra tra due razze provenienti da una dimensione parallela, gli Aetherial e i Chthonian; in mezzo a questa carneficina c’è la resistenza umana, vista da entrambe le razze come una preziosa risorsa per macabri esperimenti di manipolazione e fusione con cristalli di energia pura, gli Aether. Proprio in questo drammatico clima emerge il nostro eroe, miracolosamente scampato a un esperimento di possessione e chiamato da un piccolo avamposto a collaborare alla resistenza, sfruttando a proprio vantaggi il teletrasporto, la fusione con i cristalli e tutto quanto gli invasori intendono usare contro gli ultimi umani.

Grim Dawn screenshot

Grim Dawn – screenshot

Va detto di come la trama sia  un semplice pretesto per menare le mani, ma è giusto segnalare non solo l’ambientazione particolare e relativamente innovativa, ma anche un maggiore sforzo di Grim Dawn rispetto ai titoli del genere per dare un senso narrativo più compiuto all’intera esperienza. L’avventura è infatti costellata di numerosi bivi narrativi in cui le nostre scelte morali determineranno il proseguo del nostro viaggio. Non ci si aspetti nulla di particolarmente elaborato e incisivo, ma spesso e volentieri saremo chiamati a scegliere come comportarci in determinate circostanze modificando sia pure marginalmente il corso dell’avventura e rendendo in altre parole ancora più interessante le (inevitabili) run successive alla prima.

Mouse e tastiera alla mano il gioco non innova e rimane nel solco della tradizione, ma non mancano qua e là piccole novità. Il titolo è non solo molto bello da vedere e curato graficamente, con texture pregevoli e effetti visivi all’altezza, ma restituisce bene la fisicità dell’esperienza che non può mancare in questo genere di giochi; esplosioni, scariche elettriche, nemici che si spappolano in esplosioni di arti e liquidi corporei, sono solo una piccola parte del pantagruelico spettacolo che ogni uccisione riserva, rendendo ogni piccola progressione nel gioco appagante e soddisfacente. Ogni loot, ogni orda sterminata, ogni punto esperienza guadagnato riempie di soddisfazione, ed è esattamente quello che ci si aspetta. Anche dal punto di vista della quantità e varietà delle opzioni Grim Dawn non teme rivali, grazie ad una infinità di item e armi da saccheggiare, combinare, creare e potenziare. C’è veramente di tutto e ottenere le armi più rare e i potenziamenti più forti non sarà facile, anche se il sistema di gestione dell’inventario è almeno all’inizio piuttosto snervante, dato che ogni volta che è pieno bisogna creare un teletrasporto rapido con il primo avamposto umano, vendere tutto e tornare all’azione; seccante, come detto, ma nulla di drammatico.

Grim Dawn screenshot

Grim Dawn – screenshot

Particolarmente curato e interessante è la personalizzazione delle classi. Ve ne sono sei, che coprono tipologicamente la classica offerta action RPG come tank, mago, attaccante a distanza e altre, ovviamente declinate in salsa steampunk conforme all’ambientazione del genere; quello che è interessante è che anziché una classe sola saremo chiamate a sceglierne due, compiendo non solo una scelta armonica e complementare ma sviluppandole parallelamente nelle rispettive abilità passive e attive, una scelta che aumenta e non di poco la personalizzazione del nostro personaggio. A tutto questo va aggiunto il sistema di punti devozione, che si ottengono scovando e riscattando i santuari abilmente nascosti nell’immensa mappa di gioco. Ogni punto può essere assegnato a una costellazione nell’apposita schermata di sviluppo, sbloccando bonus e abilità particolari in un percorso di sviluppo ad albero da pianificare attentamente. Tutto ciò, in aggiunta all’immensa quantità di oggetti, armi e potenziamenti di cui si è parlato, rende virtualmente impossibile creare due build identiche aumentando di molto la rigiocabilità e la qualità di base del titolo.

“Ogni loot, ogni orda sterminata, ogni punto esperienza guadagnato riempie di soddisfazione, ed è esattamente quello che ci si aspetta”

L’unico vero difetto, sia pure nel complesso secondario, di Grim Dawn risiede invece nella fase esplorativa. Cairn è immensa, e anziché dividere il gioco in varie macroaree o livelli i ragazzi di Crate Entertainment hanno optato per un approccio più libero e meno schematico. A impedire la piena esplorazione sin dalle prime fasi vi sono solo alcuni ostacoli come ponti da ricostruire con cianfrusaglie e rocce da far saltare con la dinamite, il backtracking è presente e sin da subito c’è piena libertà, incoraggiata da numerose missioni secondarie. La mappa è però molto poco funzionale e almeno all’inizio regna la confusione; capire dove si deve andare o ancora peggio dove si è con precisione rischia spesso di essere davvero difficile, e solo la presenza ben segnalata dei punti di teletrasporto rende l’esperienza affrontabile. Particolare menzione meritano le ambientazioni, che forse peccano lievemente in varietà, ma sono tutte ben realizzate e d’impatto, cosi come il design dei nemici, pur avendo alti e bassi qualitativi, non manca certo di varietà e nel complesso contribuisce alla soddisfazione del giocatore, dato che spesso lo stimolo a vedere quale nuova mostruosità è in serbo per noi già da solo è sufficiente a caricare il gioco.

Grim Dawn screenshot

Grim Dawn – screenshot

In conclusione, Grim Dawn è un gioco da avere a tutti i costi se si è fan del genere. Si è fatto attendere molto, ma l’attesa è valsa decisamente la pena. Il sequel spirituale di Titan Quest è un titolo profondo, sfidante, capace di dare immense soddisfazioni e di incollare allo schermo, soprattutto se si è capaci di chiudere un occhio su qualche occasionale calo qualitativo in termini più squisitamente produttivi e su una fase esplorativa alle volte un po confusionaria. Vi consigliamo di non farvelo scappare.

Voto: 8,5
Tipologia di gioco

Grim Dawn è un action RPG in stile Diablo che fonde ambientazioni steampunk e post apocalittiche.

Come è stato giocato

Occorrono decine di ore per finire il gioco, che abbiamo spolpato in lungo e in largo grazie al codice per il download da Steam gentilmente fornitoci direttamente dagli sviluppatori.