City of Light è una degna conclusione di Batman: The Telltale Series, un capitolo finale di apprezzabile fattura, ma che in realtà non fa molto per elevare con un ultimo slancio il valore narrativo dell’opera tutta. A tratti l’ha fatto credere, l’ultima produzione di Telltale Games, di ptoer esplodere, trasformandosi in una memorabile storia dell’Uomo Pipistrello, ma in realtà, i primi segnali li avevamo avuti con il quarto episodio, niente di quanto seminato si è concretizzato in qualcosa di più grande, anzi. Alcuni momenti, alcuni personaggi, alcune situazioni che sembravano poter intrecciarsi e sorprendere si sono rivelati del tutto slegati, elementi francamente privi di collocazione all’interno dell’ordine generale. L’impressione è che il team di sviluppo, nel tentativo di dare profondità alla trama, abbia esagerato, non sapendo in realtà che pesci pigliare, appesantendola con orpelli del tutto inutili.

Il giudizio quindi di questo ultimo episodio del gioco non può quindi non ritorcersi anche su quello complessivo su quanto raccontato. City of Light, preso singolarmente, è più che apprezzabile, perché ha un discreto ritmo, quello che ovviamente impone la conclusione delle vicende, perché ha un paio di momenti stuzzicanti per coloro che hanno a cuore il Cavaliere Oscuro, perché tutto sommato confeziona uno scontro finale all’altezza delle aspettative. E’ vero, crolla letteralmente, in maniera oscena in un singolo evento, che butta letteralmente nel cesso tutta la storyline legata ad un personaggio in particolare (vi diciamo anche quale: Catwoman); in maniera più perdonabile, ma comunque grave, dimentica totalmente gli eventi che si concludono nel quarto capitolo legati a Pinguino o Harvey Dent (a seconda delle scelte che avrete fatto); rende totalmente superflua l’entrata in scena, ancora nel quarto capitolo, di chi sapete voi. Al suo compito però, quello di chiudere la vicenda, riesce ad assolvere, senza particolari recriminazioni da parte del giocatore.

Batman: The Telltale Series City of Light screenshot

Sì, c’è un’indagine anche nell’episodio finale. Sì, inutile e noiosa come le altre

Ciò che però viene fuori da Batman: The Telltale Series alla fine dei cinque episodi è che si tratta, tutto sommato, di una produzione inutile. E’ inutile perché prova a fare alcune cose con coraggio, come variare la genesi di alcuni personaggi ed il background dello stesso Bruce Wayne, ma alla fined ella fiera si tratta di cambiamenti che non vanno a raccontare una storia memorabile, che non lasciano traccia, come dovrebbero, nel cuore del giocatore. La storia la si segue con piacere, tutto sommato, nonostante i suoi passaggi a vuoto, la trama ha un senso complessivo, ma l’impressione di occasione persa è opprimente. E’ un’altra storia di Batman, originalissima in alcuni punti, ma in realtà poi estremamente tradizionale. E nemmeno delle più riuscite, anzi.

“Ciò che viene fuori da Batman: The Telltale Series alla fine dei cinque episodi è che si tratta, tutto sommato, di una produzione inutile”

Ed ecco perché è grave che Batman: The Telltale Series non riesca a impressionare. Perché, tacendo dell’enorme lavoro di Rocksteady Studios sullo stesso medium, il videogioco, che ha altre basi ludiche, di sicuro più coinvolgenti (ma che in realtà ha nella rappresentazione dell’Uomo Pipistrello uno dei suoi elementi di maggiore qualità), esiste una sterminata narrativa legata a Batman, nella quale la produzione di Telltale Games annega, senza possibilità di venir fuori. L’ottima capacità di scrittura propria del team di sviluppo è fine a sé stessa, il gioco arranca continuamente nel tentativo di colpire. C’era riuscito, l’avevamo detto, col secondo capitolo: ci eravamo illusi che quello potesse essere il reale punto di partenza, dopo un inizio moscio, ma c’eravamo illusi; ne è stato il punto più alto, foriero di aspettative poi crollate.

Batman: The Telltale Series City of Light screenshot

L’inizio di uno scontro finale tutto sommato all’altezza

Salutiamo quindi senza drammi Batman: The Telltale Series, con qualche rimpianto, riguardo quello che avrebbe potuto rappresentare se avesse avuto una trama più coerente, se il ruolo di alcuni personaggi avesse avuto veramente senso, se eventi in apprenza sconvolgenti avessero veramente lasciato un segno; niente di tutto questo è avvenuto e ne è venuta fuori una rappresentazione alla fine ordinaria e per niente appassionante del Cavaliere Oscuro, purtroppo destinata al dimenticatoio. La sua conclusione ci lascia del tutto indifferenti, perché niente di significativo ci ha donato.

Voto: 6,5
Tipologia di gioco

Batman: The Telltale Series è la classica avventura del team di sviluppo statunitense, con quick time event e scelte da fare.

Come è stato giocato

Abbiamo acquistato la stagione completa su Steam e completato City of Light in due ore.